• a piedi per l'italia

Il viaggio in Costiera Amalfitana

Aggiornamento: giu 5


Un altro viaggio in Costiera Amalfitana è finito. Ieri ci sono stati i saluti con tutti gli amici di Bomerano.


Oramai sono tanti; ci si incontra per strada ed è subito festa. E' bello essere riconosciuti in un territorio che non è il proprio. Si inizia lentamente ad avvertire un senso di appartenenza; quando le persone iniziano a salutarti per la strada ti accorgi che qualcosa sta cambiando. Quel territorio diventa anche un po' il tuo territorio. Ed è una bella sensazione.


A Bomerano è stato facile, in realtà. Basta camminare per le strade del paese e tutto avviene senza bisogno di fare il primo passo: ci pensa l'ospitalità degli Agerolesi.


E così con Nicola e Assunta del Rabbit è come sentirsi in famiglia, oramai. Senza forzature, naturalmente. E mentre Nicola crea pizze davanti al suo banco da lavoro si parla con Assunta, ma anche con Maria, con Rosalba e con Angela, instancabile ragazza con il sorriso sempre presente.


E poi Assunta che gestisce Magici Sentieri, un piccolo ma importante negozio di attrezzatura sportiva e gadget agerolesi: famose le sue magliette che tutti comprano; Antonio del liquorificio Alambicco, che con semplicità racconta la storia della sua famiglia e della creazione dei loro buonissimi liquori; Raffaele, il casaro che con maestria crea mozzarelline e trecce nella completa tradizione agerolese, un lavoro che fa da trent'anni e che nessuno sembra vuole seguire; Mario sempre disponibile ad offrire un caffè nel suo ristorante; Maddalena e la sua famiglia, sempre a creare nuove attività; Lello che con i suoi bus ci porta in giro per la Costiera e ci viene a recuperare ad escursione finita.


Un mondo amici, oltre che di collaboratori. Ogni volta tornare a Bomerano è come tornare a casa; un luogo caldo, accogliente, senza frenesia, dove l'amicizia è ancora un valore.